Pubblicazioni

Login

http://www.aclaw.it/modules/mod_s5_register/captcha/CaptchaSecurityImages.php?width=90&height=30&characters=5&t=1527224429
AC Law
  • Register
Martedì, 07 Febbraio 2017 18:45

Brevi note in tema di revocatoria ordinaria

Si segnala la recente sentenza n. 2529 resa dal Tribunale di Padova in data 14.09.2016 e pubblicata in data 16.09.2016 in materia di azione revocatoria ordinaria ex art. 2901 c.c.

Detta sentenza affronta una tematica di particolare interesse, ovvero l’applicabilità dell’esenzione da revocatoria ordinaria di cui al comma terzo dell’art. 2901 c.c., ai sensi del quale “non è soggetto a revoca l’adempimento di un debito scaduto”.

Ebbene, occorre tenere a mente che è facoltà del debitore decidere quale debito soddisfare, non trovando applicazione alla revocatoria ordinaria il principio della “par condicio creditorum”, valido per la revocatoria fallimentare.

Oltre ad essere pienamente legittimato a scegliere in che ordine soddisfare i creditori, il debitore ben può avvalersi dei propri beni in via strumentale per estinguere o ridurre i propri debiti.

A tale riguardo la pronuncia in commento, confermando l’orientamento della Suprema Corte sul punto, ha ribadito che anche l’alienazione di un bene eseguita al fine di procurarsi le somme necessarie a tacitare i creditori, dovrà deve ritenersi esente da revocatoria ex art. 2901, co. III, c.c., purché tale alienazione si ponga in rapporto di strumentalità necessaria con un atto dovuto. La doverosità dell’atto, qual è appunto l’adempimento di un debito scaduto, esclude l’arbitrarietà del comportamento del creditore, escludendo altresì la pregiudizialità dell’atto nei confronti dei creditori, requisito indispensabile ai fini dell’accoglimento dell’azione revocatoria.

È interessante notare inoltre come la doverosità dell’atto renda irrilevante qualsivoglia indagine sullo stato psicologico del debitore, che potrebbe anche essere connotato dalla volontà di danneggiare un altro creditore, e tantomeno su quello del terzo acquirente, anche con riferimento ad operazioni intercorse tra parenti.

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di ACLAW per ricevere gli aggiornamenti sulle novità normative e giurisprudenziali

Arbitrato societario: impugnazione del lodo per “errores in iudicando”

Commento a Cass. civ. Sez. Unite, Sent. 09-05-2016, n. 9285     La pronuncia in commento ha posto fine ad un contrasto in seno alla…

Strumenti finanziari ed obblighi informativi

La recente crisi finanziaria ha posto sempre più in luce un dato oltremodo allarmante: la pressoché totale assenza di cultura finanziaria del risparmiatore medio italiano.…

L'azione di responsabilità nelle società di capitali: profili comparatistici, l'esonero, le rinunce, i patti di manleva

L'azione di responsabilità nelle società di capitali è un tema quanto mai attuale, stante la profonda crisi economica non ancora conclusasi ed i tracolli sempre…

Aree di Interesse

Diritto Internazionale degli Affari

Grazie alla sua esperienza multidisciplinare, lo Studio è in grado di offrire consulenza in tutti gli aspetti del diritto internazionale...

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedInRSS FeedPinterest