Pubblicazioni
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 1014
Giovedì, 30 Luglio 2015 15:24

IRAN, un nuovo mercato

Con l'accordo firmato il 14.07.2015 tra Iran e le c.d. "5+1" potenze mondiali (Stati Uniti, Russia, Francia, Cina, Gran Bretagna, cioè i cinque Paesi che hanno diritto di veto all'Onu più la Germania) lo scenario internazionale è radicalmente mutato.
Dopo oltre due anni di trattative diplomatiche grazie a questo importante accordo si ferma il programma nucleare della Repubblica Islamica. In cambio la comunità internazionale metterà fine alle sanzioni contro l'Iran decise da Stati Uniti, Unione europea e Nazioni Unite.
Si tratta di un'importante svolta che oltre ad avere un importante significato politico, avrà effetti dirompenti sull'economia globale.
Tale accordo infatti apre le frontiere ad un nuovo mercato, sin ad ora inesplorato, che necessita di ogni tipo di bene.
Lo Studio, grazie alla fitta rete di importanti rapporti e privilegiate relazioni che vanta, offre il proprio supporto alle aziende interessate ad investire in Iran, in particolare nella regione di Shiraz, ove gode di qualificati ed importanti contatti.

Save the date | Le prospettive dei mercati internazionali e le emergenti situazioni di instabilità geopolitica | 27 novembre 2018

Ceccon & Associati – Avvocati, con la sponsorizzazione di Assicurazioni Generali, è lieto di presentare il Convegno “Le prospettive dei mercati internazionali e le emergenti…

Arbitrato societario: impugnazione del lodo per “errores in iudicando”

Commento a Cass. civ. Sez. Unite, Sent. 09-05-2016, n. 9285     La pronuncia in commento ha posto fine ad un contrasto in seno alla…

Strumenti finanziari ed obblighi informativi

La recente crisi finanziaria ha posto sempre più in luce un dato oltremodo allarmante: la pressoché totale assenza di cultura finanziaria del risparmiatore medio italiano.…

Aree di Interesse

Franchising

Lo Studio dispone di una vasta esperienza in materia, grazie all'attività di consulenza svolta in favore di importanti società italiane...

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedInRSS FeedPinterest